Post

Piazza san Giovanni, 1200 d.C.

Diciamolo chiaramente ed una volta per tutte: i gay hanno rotto le balle. Con le loro richieste, i loro colori, la loro felicità deviata. Nella classifica dei rompiballe sono saliti al primo posto, superando negri, ebrei e comunisti. Ma poi cosa vogliono? Che cosa pretendono? Non lo hanno forse capito che con le loro richieste insensate mettono in pericolo le nostre tradizioni, la nostra cultura e i nostri figli? I nostri figli soprattutto: immaginate che essere mostruosi verrebbero fuori da una coppia omosessuale. Sarebbero gay anche loro, incapaci di concepire il rapporto con l’altro sesso. Come d’altronde tutti i figli di coppie etero sono etero anche loro, no? Perché la mancanza della figura materna, perché Dio ci ha fatto uomo e donna, perché lo dice anche il grande psicologo degli anni 50 del 1200, perché “Sposati e sii sottomessa”.

Due gay che crescono un bambino: non scherziamo. Cioè, vanno bene le suore, che sono devote missionarie di Dio, e vanno bene anche le famiglie tradizionali tradizionalmente infelici. Ma, come le nostre tradizionali esperienze pre-matrimoniali insegnano, fellatio et ani sexus non hanno mai generato filiazione. Ed allora perché mai due gay dovrebbero poter crescere un bambino?

L’importante, signori miei, non è che il bambino sia cresciuto da una coppia che si ama e che lo possa educare bene, con tanto amore. No, non è questo il punto. A noi, in verità, di come sia cresciuto un bambino interessa ben poco.

L’amore cristiano dei 200mila al Family Day di ieri è amore incondizionato ci dicono. Sì, è così. Ma amore incondizionato verso la tradizione e tutto ciò che possiamo chiudere all’interno di schemi che capiamo. Amore verso noi stessi, non verso gli altri né l’altro. Amore verso ciò che ci ha fatti essere infelici per tutta la nostra vita, ma che è giusto che anche gli altri sperimentino. Non sia mai che due uomini o due donne scoprano di essere più felici insieme piuttosto che fingendo di essere etero, e non sia mai che un bambino scopra che la cosa più bella è crescere con due persone che si amano e lo amano, n’importe quoi.

Altrimenti rischiamo di scoprire che forse forse anche noi in fondo siamo un po’ gay. E anche un po’ repressi.

Family day

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...