Post

Diario di un black bloc

Il black bloc è colto nel momento del risveglio a giorno fatto, in quanto per tutta la notte è stato sommerso dai suoi onerosi impegni intellettuali. Una volta alzato deve scegliere tra il caffè (solo se prodotto dalle comunità indigene dell’America Latina) e la spremuta d’arancia (solo se prodotta con arance 100% bio).

Il black bloc passa il resto della mattinata cercando informazioni su come costruire delle molotov sul suo i-Pad. Ma attenzione: lui non ama la violenza e non è violento. Sono la società, il turboliberismo e l’ipercapitalismo sfrenato che lo costringono ad utilizzare tali strumenti di protesta.

Finalmente è ora di pranzo, ed il black bloc puo’ scegliere se nutrirsi dei prodotti del suo orto o mangiare fuori. Spesso, il black bloc pranza da McDonald’s. Ma attenzione: non perché egli sia asservito alle multinazionali turbocapitaliste e iperliberiste sfrenate, ma perché mangiare da McDonald’s aiuta il black bloc a capire meglio come sovvertire tale sistema.

Il pomeriggio è dedicato allo studio del lancio di pietre. Il black bloc vive solitamente in una casa grande e spaziosa, con un ampio giardino, ed è proprio lì che sperimenta nuove e nuove tecniche di lancio.

Per cena, il black bloc ama andare in posti incontaminati e dove il capitalismo non ha attecchito. Per fare ciò, è costretto a prendere la Volkswagen di papà. Ma attenzione: non perché lui, il black bloc, sia asservito alle multinazionali dell’auto. La macchina di papà è solo un mezzo per combattere il capitalismo che essa stessa rappresenta.

Il black bloc torna a casa a tarda sera, soddisfatto dopo una giornata piena di nuove scoperte. Posteggiata la macchina di papà in garage, il black bloc entra in casa dalla porta secondaria, salendo le scale. Infatti, il black bloc cerca di contrastare in ogni modo possibile le multinazionali dell’ascensore.

Finita la giornata, il black bloc si corica sul suo letto a una piazza e mezzo. E spenti iPad e iPhone, sogna e sogna di come sconfiggere la globalizzazione.

Il turbocapitalismo ha i giorni contati.

diario di un black bloc

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...