Post

Il partito degli onesti

“Matteo Renzi non ha il consenso delle persone oneste.”

Dichiarazione poi smentita e rismentita. Ma alla fine spunta il video e le parole di Landini sono effettivamente quelle.

Perché quello che non ci piace e contro cui protestiamo non e’ solo ingiusto ma anche illegale, disonesto.

Un po’ come i 5 stelle che depositano in procura una denuncia contro il Patto del Nazareno.

Onesti, uomini e donne con valori e principi contro disonesti e corrotti che non hanno a cuore il futuro del Paese e pensano solo al tornaconto personale: insomma, la tipica autoreferenzialità della sinistra dura e pura.

Landini e gli altri sappiano che così non andranno da nessuna parte.

 

E per quanto mi riguarda, vadano pure per la loro strada.

 

renzi_non_ha_consenso_persone_oneste_landini_fa_infuriare_il_pd_e_confindustria-0-0-424738

Annunci
Standard
Post

Ladylike

Il tipico messaggio più o meno esplicito per cui in politica bella = stupida, brutta = in gamba ma “inchiavabile”, furba = pretenziosa è quanto di più odioso possa esistere. Chi mai farebbe un discorso del genere su un politico uomo? Nessuno, appunto.

Ben vengano in politica le belle, le alte, le bionde e le more!

Ma ben vengano anche le brutte, le basse, le grasse e le storpie, no?

La bellezza è una cosa bella. Vedere una bella donna, curata e in piena forma è una cosa meravigliosa per chi ama le donne.

Ma la cura di se stessi non dovrebbe essere un “quid in più” come dice la Moretti. Semplicemente perché se nel valutare le capacità politiche di una donna mettiamo che l’aspetto fisico vale come “quid in più”, allora non abbiamo concluso niente. “La donna politica ha più valore se bella”: discorso raramente fatto per giudicare le qualità politiche di un uomo. E anche piuttosto maschilista.

“Lo stile della Bindi era austero. I tempi sono cambiati, meno male. Perché io mi devo mortificare?”.

“Perché io cosa devo fare, venire con i peli, i capelli bianchi?”

No, Alessandra Moretti, non devi presentarti con i peli e i capelli bianchi. Sei una politica in gamba. E sei anche bella.

Ma non sei meglio della Bindi perché ti tingi i capelli o ti fai la ceretta.

moretti

Standard
Insopportabilia

La passeggiata con molestie

“Shoshana B. Roberts ha camminato lungo le strade di New York per dieci ore indossando un jeans e una T-shirt nera. Davanti a lei un complice con una videocamera nascosta che ha ripreso la sua passeggiata. Durante il suo girovagare sono stati intercettati almeno 100 complimenti e commenti degli uomini che l’hanno incrociata.

‘10 Hours of Walking in NYC as a Woman’ è uno dei numerosi esperimenti contro le molestie di strada, realizzato da Rob Bloss per l’associazione no-profit ‘Hollaback!’ che si occupa di sensibilizzare sul tema tramite l’educazione e l’insegnamento.”

Tam-tam sui social da quasi un mese, diverse riproduzioni dell’esperimento nei cinque continenti. Ultima ma non ultima la versione barese, pubblicata oggi sul sito di Repubblica.

Come da tradizione, ci si divide in due schieramenti:

– Schieramento 1, “l’utero è mio e lo gestisco io”: i video mostrano come tutto il mondo sia paese; tutti gli uomini sono uguali e pensano tutti alla stessa cosa; la vita è impossibile per una ragazza in qualunque città del mondo; voglio essere libera di girare per la città senza ricevere commenti/avances; siamo delle vittime in questo mondo maschilista.

– Schieramento 2, “maschio alfa”: nei video non ci trovo nulla di male; adesso non si possono nemmeno più fare i complimenti ad una bella ragazza; se non voleva ricevere quei commenti e quelle avances se ne poteva stare a casa; dai si stava scherzando; facciamo poco le preziose; queste donne che fanno sempre le vittime.

Come da tradizione, entrambi gli schieramenti suscitano in me intense rotazioni ataviche.

Ma cos’è una molestia?

Essere seguite per strada da uno sconosciuto che ti dice quanto gli piacerebbe portarti a letto è una molestia sessuale, ovviamente.

Ovviamente anche un “ti porterei a letto” o un “ti farei questo o quell’altro” è molestia. Ed i miei congeneri che si abbandonano a tali commenti mi fanno piuttosto ribrezzo.

La sostanziale differenza tra la passeggiata solitaria di un uomo e quella di una donna e’ che l’uomo non si sentira’ mai minacciato, implicitamente o esplicitamente, di stupro, mentre la donna si’. Se pero’ ogni parola rivolta da uno sconosciuto ad una donna e’ considerata molestia a causa dell’implicita differenza tra i sessi e il fatto che ogni uomo sia in potenza “uno stupratore” allora tutto è molestia.

Un “sei bellissima” che finisce là è molestia? Un “sei uno splendore” buttato lì senza alcuna pretesa è molestia? Io direi di no.

E allora lo schieramento 1 di cui sopra controbatte: per te non sarà molestia, ma a me dà fastidio sentirmi dire anche “sei bella” da uno sconosciuto e voglio potermi sentire libera di camminare per strada senza che nessuno mi infastidisca in alcun modo.

E allora chiamiamo “molestia”  tutto ciò che ci dà fastidio perché non richiesto.

Per cui mi sento di poter affermare con ragionevole certezza di venire “molestato” ogni giorno da circa il 99% della popolazione parigina, ripetutamente. Quando attraverso la strada, quando compro il pane o faccio la spesa. Per non parlare della sconosciuta che l’altra volta si è permessa di lanciarmi un sorriso sulle scale mobili (Valentina, su, si fa per dire).

E insomma, forse meglio stare attenti a cosa si definisce “molestia”, ché altrimenti un termine che dovrebbe definire una condotta grave e deprecabile rischia di perdere di significato.

Che fa, diciamo che alcune delle parole del video erano molestie ma che tante altre invece no?

Cento molestie

Standard
Insopportabilia

Il Gattopardo siamo noi

“Perché al palermitano piace ricordare. Palermo è tutto, è troppo, è affetto. A Palermo la birra con gli amici è più fredda, più buona. Questa città è fuori e fuori è tutto più bello. Perchè Palermo non appartiene al secolo duemila: è rimasta nel novecento e a me piace, a me sta bene cosi. Perché Palermo cresce, ma lentamente, e penso sia meglio cosi. Noi Palermitani non ci sapremmo abituare a tutto questo, a tutta questa fretta, Palermo è cosi bella ca m’acceca.”

La lettera scritta dall’assistente di volo Carola Manzella e pubblicata su Balarm sta avendo grande successo sui social.

La leggo, la rileggo e la leggo ancora. Mi dico: sei un bacchettone (ed in realtà non sono il primo a dirmelo). E allora mi freno. Ma poi dico: leggiamola un’ultima volta.

E proprio non ce la faccio: la trovo stucchevole, naif, irritante. La perfetta rappresentazione sotto forma di favoletta banale di quell’atteggiamento tipico del Palermitano naif/radical/pseudo intellettuale-illuminato/finto amante della propria città, che ogni giorno si dice dispiaciuto che a Palermo “le cose non funzionino”, ma allo stesso tempo giustifica le inefficienze, la sporcizia, la lentezza, il cattivo funzionamento di tutto ciò che è pubblico, in nome di una filosofica malinconia accoccolata.

Sì, le macchine in doppia fila fuori dall’aeroporto sono una seccatura, ma mi fanno sentire a casa.

Sì, la città è sporca, sporchissima, e me ne dispiace, ma se non fosse sporca non sarebbe Palermo.

Sì, gli sfincionari che si aggirano per il centro sono tutti abusivi, è vero, ma lo sfincione mangiato per strada ha tutto un altro sapore.

Sì, è vero, le cose a Palermo non cambiano mai: le amministrazioni cambiano, ma la città rimane sporca, malfunzionante, abusiva.

Torniamo a Palermo e dobbiamo di nuovo chiedere lo scontrino in gran parte dei negozi in cui entriamo.

Torniamo a Palermo e per uscire in macchina la sera dobbiamo avere sempre pronto in tasca l’euro da dare al posteggiatore abusivo, ché sennò te la sfascia, la macchina.

Torniamo a Palermo ed è sempre tutto uguale a come lo abbiamo lasciato.

Ma Palermo è bella. E a noi piace lasciarci accarezzare e intorpidire da questa sporca, degradata, franante bellezza.

Perché Palermo va cambiata ma non va cambiata, perché é bella così. Perché Palermo se fosse più efficiente sarebbe meglio ma non sarebbe Palermo. Perché perché perché Palermo siamo noi, nuatri.

Perchè il mare, il caldo, il sole e tanto sentimento.

 

Perché il Gattopardo non è Palermo, né la Sicilia: siamo noi.

 

teatro-massimo-notte-02

 

Standard